May 7, 2008

Diario dall'Uzbekistan: la strada dorata per Samarcanda...


Attraverso la polvere gialla che incornicia il lento avanzare dell'antico Oxus, lungo le orme di Ibn Battuta, di Marco dei Polo, di Vanbery e di Stoddart, ecco che si apre di fronte agli occhi la turchese volta di Bibi Khaldun che dona il colore al cielo, le tre alte sorelle che costeggiano il riflesso dell'eternita' sulla piazza dalle proporzioni piu' perfette, le antiche pendici della Marakanda sogdiana e alessandrina che hanno visto i passi del grande Iskander.
Sono arrivato alla fine della strada dorata, sono a Samarcanda, e mi lascio cullare tra i suoi alberi e cortili, la dimensione terrena della sfida al cielo della citta' piu' bella del mondo

3 comments:

freshte said...

hi dear
wooow the pictures of samarcand are so beautiful..
of course the last picture is similar to Yazd, isn't it ?

Martina Merlet said...

evvai che da Hong Kong si apre sempre blogspot!! a pechino va a intermittenza... ma qui libertà!
approfiterò del mio soggiorno per andare a vedere tutte le cose che non posso vedere da bj... e mi ritorverò senza sapere come è fatta hong kong... mhhmhmhmhm... mah! vedremo!
bacio!

Anonymous said...

quello che stavo cercando, grazie

 
Paperblog